Ricetta panna cotta
Ricetta panna cotta
Ricetta panna cotta
 

Panna cotta: un dolce facile e veloce per tutte le occasioni

Panna CottaLa panna cotta è un dessert molto gustoso e adatto anche ai principianti in cucina. L’unico inconveniente è che deve essere preparato almeno il giorno prima perché deve solidificare in frigo. Tuttavia si può conservare per qualche giorno. La panna cotta ha un sapore molto delicato e ha il pregio di essere l’unico dolce che mette d’accordo tutti i palati, un piccolo peccato di gola che rinfresca le serate estive o addolcisce quelle invernali. Molti credono che la panna cotta sia un dolce poco adatto per le grandi occasioni ma il segreto è tutto nella presentazione finale. Potete arricchire il dessert con caramello, salsa al cioccolato e ai frutti di bosco, già confezionate oppure preparate con le vostre manine. Prima di indicarvi gli ingredienti e spiegarvi passo passo la preparazione vi raccontiamo un po’ di storia. Il dolce è tipico della tradizione piemontese e le sue origini risalgono agli inizi del ’900, ad inventarlo è stato una donna ungherese. Ora tocca a te!

Ingredienti per 6 persone

500 ml. Panna fresca

200 ml. Latte intero

140 gr. Zucchero

12 gr. fogli Gelatina

1 bustina di Vanillina

Preparazione

La prima cosa da fare è mettere i fogli di gelatina in acqua fredda per almeno 12 minuti. In seguito versare il latte nel pentolino e farlo scaldare a fuoco basso. Togliere dal fuoco e aggiungere i fogli di gelatina ben strizzati facendogli sciogliere. In un’altra pentola mettere la panna, lo zucchero e la vanillina. Mescolare a fiamma moderata fin quando non inizia a bollire. Unire i due composti (magari mescola con la frusta a mano per ottenere un composto più omogeneo). Infine disporre negli stampini aiutandosi con un mestolo e far solidificare in frigo per almeno 4 ore.

Consigli

Potete utilizzare degli stampini di silicone che sono pratici e molto igienici. Se la panna cotta rimane attaccata, immergeteli per 30 secondi in acqua calda. Gustate con un vino dolce come il moscato D.O.C oppure il fragolino. Per rendere ancora più sfiziosa la panna cotta provate a cospargerla di farina di cocco se utilizzate la salsa al cioccolato e quella ai frutti di bosco, oppure abbinate il croccantino o la farina di pistacchio al caramello.

 

Panna Cotta – Morbidamente cremoso, un tipico dolce al cucchiaio italiano che delizierà i vostri sensi.

:

  • 5 dl di panna fresca
  • 115 g di zucchero
  • 4 fogli di colla di pesce
  • mezza Stecca di vaniglia

:

  • 4 Cucchiai di zucchero
  • 2 Cucchiai d’acqua

Ingredienti: Per 6 persone

 

Preparazione:

ate ammorbidire i fogli di colla di pesce immergendoli in una ciotola piena d’acqua fredda per una decina di minuti.

Nel frattempo incidete la stecca di vaniglia con un coltello, quindi apritela a metà e prelevatene i semi all’interno con la lama.
Ponete quindi sul fuoco una pentola con la panna, lo zucchero e i semi di vaniglia, mescolate con una frusta e portate ad ebollizione.

Quando la panna comincerà a bollire, lasciatela sul fuoco per 2 o 3 secondi, quindi toglietela dal fuoco versatevi i fogli di colla di pesce scolati e ben strizzati e fateli sciogliere nella panna mescolando.

Versate quindi il composto negli stampini monodose, eventualmente travasando prima il liquido in una caraffa per semplificare l’operazione, quindi poneteli a raffreddare in frigo per almeno 3 ore.

Poco prima di prelevare gli stampini dal frigo, preparate il caramello:

Versate lo zucchero e 1 cucchiaio d’acqua in un pentolino e ponetelo su un fuoco di media intensità.
Portate quindi il composto ad ebollizione e, senza bisogno di mescolare, lasciatelo cuocere fino ad ottenere un caramello di un bel colore dorato scuro.

Appena il caramello sarà diventato del colore desiderato, facendo molta attenzione versatevi il rimanente cucchiaio d’acqua, e lasciate bollire per un altro minuto, agitando il pentolino in modo che il caramello si amalgami per bene e prenda una consistenza cremosa.

Prelevate quindi la panna cotta dal frigo e sformatela dagli stampi immergendoli uno alla volta per un attimo in una pentola piena d’acqua calda e rovesciandoli sui piatti da portata.
Completate la panna cotta guarnendola con lo zucchero caramellato e servitela immediatamente.

Lo Chef consiglia

Se volete ottenere una panna cotta meno grassa, potete sostituire a metà della panna una quantità equivalente di latte, tenendo però conto che otterrete una panna cotta dalla consistenza e dal gusto leggermente diversi.

Storie nel piatto

La vaniglia è sempre stata utilizzata per conferire un aroma unico ai dolci, tanto che la storia della sua diffusione in Europa è legata a doppio filo a quella del cacao.
Quando Hernàn Cortès giunse alla corte dell’imperatore Monctezuma II, infatti, questi, credendolo l’incarnazione del dio Quetzalcoatl, gli offrì una bevanda di cacao aromatizzata alla vaniglia.
Il conquistador, conquistato da quell’aroma così unico e intenso, cercò immediatamente di comprendere quale fosse l’ingrediente dal quale proveniva, e anche se gli aztechi non vollero rivelarne il segreto, gli spagnoli impiegarono poco tempo a scoprire che il merito era di una bacca nera chiamata “tlixochill” il cui consumo, tra gli indios, era riservato ai dignitari ed ai sacerdoti.
In seguito a quell’episodio, la vaniglia venne introdotta in Europa per la prima volta intorno 1520 assieme cacao, e il suo consumo, al pari di quello dell’inebriante bevanda, rimase inizialmente confinato in Spagna. Solo intorno all’inizio del XVII secolo, infatti, la vaniglia cominciò ad essere apprezzato nel resto d’Europa, tanto da divenire particolarmente diffusa alla corte del Re Sole, dove veniva aggiunta alla cioccolata o al caffé.
Per lungo tempo, però, la vaniglia rimase un lusso riservato a pochissimi, poiché si riusciva a coltivarla soltanto in Messico, da dove veniva esportata nel “Vecchio continente” a carissimo prezzo.
Fu solo nel 1841, infatti, che un ingegnoso schiavo di dodici anni di nome Edmund Albius, che abitava sull’isola di Reunion, riuscì a scoprire il metodo per impollinare manualmente la pianta della vaniglia con l’aiuto di piccoli bastoncini di bambù.
Da allora l’isola divenne il primo produttore mondiale di vaniglia, fino a quando non se ne diffuse la coltivazione nel vicino Madagascar che ad oggi è diventato il primo produttore mondiale di vaniglia che viene ormai utilizzata principalmente per produzioni dolciarie  come aromatizzante per cioccolato, gelato, creme, liquori e via dicendo.

 

Panna cotta, la ricetta semplice e veloce

Panna Cotta

La panna cotta è uno dei dolci più semplici da fare: ecco la ricetta originale!

La panna cotta resta uno dei dolci al cucchiaio più semplici e veloci da fare. Inoltre si adatta ad ogni stagione: basta scegliere i frutti di stagione per cerare uno sciroppo con cui accompagnare la panna cotta. In autunno i cachi, kiwi, melograno e uva saranno perfetti per accompagnare al panna cotta. In estate fragole e frutti di bosco si sposano alla perfezione con il sapore semplice e delicato della panna cotta.

 

Difficoltà: Facilissima
Cottura: 5 minuti
Preparazione: 5 minuti + 5 ore riposo

Ingredienti

- mezzo litro di panna fresca
– 1 stecca di vaniglia
– 2 fogli di colla di pesce
– 100 gr di zucchero

Preparazione

Per prima cosa versate la panna liquida in un pentolino e aggiungeteci lo zucchero. Mettete a mollo la colla di pesce in una ciotola con dell’acqua fredda e lasciatelo in ammollo fino a quando non si sarà ammorbidito.

Pulite quindi la stecca di vaniglia: incidetela in senso verticale e con la punta del coltello raschiatene la polpa che metterete nella panna cotta. Mettete anche la stecca intera nel pentolino e accendete il fuoco: continuate a mescolare con un cucchiaio di legno e portata a bollore la panna.

Appena la panna arriva a bollore, toglietela dal fuoco: strizzate bene la colla di pesce ammorbidita e aggiungetela alla panna cotta. Mescolate bene con il cucchiaio di legno per amalgamare bene tutti gli ingredienti. Filtrate la panna cotta con un colino in modo da eliminare la stecca di vaniglia ed eventuali grumi creati dalla colla di pesce.

Versate la panna cotta negli stampini o in dei bicchieri di vetro che avrete passato sotto l’acqua fredda: questo piccolo passaggio vi permetterà di staccare più facilmente la panna cotta quando la servirete. Lasciate riposare fino a quando non raggiunge la temperatura ambiente e poi riponete in frigo per almeno 5 ore.

 

Pagina 1 di 912345...Ultima »


Menu panna cotta
Cotto e mangiato panna cotta
Cucina italiana dolci
Dolci panna cotta
Gelato panna cotta
Ingredienti panna cotta
Panna cotta ai frutti di bosco
Panna cotta al caffe
Panna cotta all arancia
Panna cotta allo yogurt
Panna cotta bimby
Panna cotta cameo
Panna cotta caramello
Panna cotta cioccolato
Panna cotta con fragole
Panna cotta con latte
Panna cotta con yogurt
Panna cotta cotto e mangiato
Panna cotta fatta in casa
Panna cotta fragole
Panna cotta frutti di bosco
Menu panna cotta
Panna cotta giallozafferano
Panna cotta ingredienti
Panna cotta montersino
Panna cotta ricetta
Panna cotta ricetta bimby
Panna cotta ricetta cotto e mangiato
Panna cotta ricetta originale
Panna cotta ricetta senza colla di pesce
Panna cotta ricetta tradizionale
Panna cotta senza colla di pesce ricetta
Panna cotta senza gelatina
Panna cotta senza panna
Panna cotta vegan
Preparazione panna cotta
Ricetta caramello per panna cotta
Menu panna cotta
Panna cotta giallo zafferano
Ricetta della panna cotta
Ricetta panna cotta
Ricetta panna cotta ai frutti di bosco
Ricetta panna cotta bimby
Ricetta panna cotta senza colla di pesce
Ricetta per panna cotta
Ricette
Ricette di panna cotta
Ricette dolci panna cotta
Ricette panna cotta
Salsa per panna cotta
Salse per panna cotta
Stampi per panna cotta
Torta con panna cotta
Torta panna cotta